Prima operazione sul DNA per curare il tumore ai polmoni

VILLA-MAFALDA-CONTRO-TUMORE-PANCREAS
Mi illumino di viola, contro il tumore al pancreas
15 novembre 2016
Capelli, come tenerli naturalmente in salute
17 novembre 2016
dna modificato contro tumore polmoni

dna modificato contro tumore polmoni

Per la prima volta si usa la terapia genica sul DNA di un malato di tumore

Sembra di essere tornati ai tempi della guerra fredda, quando le più grandi nazioni al mondo si contendevano il primato tecnologico e militare. Oggi si è passati ad una “guerra” di tecnologia applicata alla medicina. Ciò comporta un’accelerazione delle sperimentazioni di nuove tecniche, anche costose.

E’ il caso dell’applicazione della tecnica del “taglia e cuci” del DNA (chiamata Crispr-Cas9 ) su un uomo malato di tumore al polmone molto aggressivo.  E’ stata eseguita in Cina dai ricercatori della Sichuan University di Chengdu ed è la prima volta che questa tecnica si applica al tumore.

Grazie a questa tecnica si cerca di manipolare e rinforzare il sistema di difesa immunitario che dovrebbe attivarsi per combattere il tumore del paziente. Il metodo è già stato utilizzato per combattere efficacemente i casi di leucemia infantile ma la grande novità è l’utilizzo di questa particolare tecnica (a sua volta di recente scoperta) che va a modificare letteralmente il DNA delle cellule del paziente eliminando le sequenze “malate” rimpiazzandole con quelle sane.

Il motivo dello stupore riguardo questa sperimentazione è dato sia dalla velocità di applicazione della tecnica sia dall’ansia di conoscere i risultati poiché manipolare il DNA è sempre una scelta rischiosa.

Come hanno manipolato il DNA con la tecnica Crispr-Cas9

Ecco allora che cosa hanno fatto i cinesi, guidati dall’oncologo Lu You della Chengdu University. Primo: hanno prelevato cellule del sistema immunitario del paziente affetto da tumore (si tratta di linfociti, cioè globuli bianchi). Secondo: hanno utilizzato la Crispr-Cas9 come un bisturi di precisione per tagliare ed eliminare, in queste cellule, un gene che produce una proteina chiamata PD-1 (è una proteina che funziona da “freno” sulle cellule immunitarie, cioè neutralizza la loro capacità di aggredire le cellule tumorali e di distruggerle). Terzo: hanno moltiplicato queste cellule “modificate” in laboratorio. Quarto: le hanno iniettate nel paziente (affetto da un tumore metastatico cosiddetto non a piccole cellule) con l’idea che, queste cellule, senza più “freni inibitori”, siano in grado di aggredire il tumore. E’ il primo paziente di uno studio clinico che ha preso il via sempre a Chengdu e che prevede di trattare dieci pazienti.

La scelta del gene da eliminare è interessante: si tratta, infatti, di quel gene (PD-1 appunto) che codifica per una proteina contro la quale sono diretti i nuovissimi farmaci immunoterapici per la cura del cancro: sono quegli anticorpi monoclonali che “tolgono il freno” all’attività delle cellule immunitarie, rendendole di nuovo capaci di difendere il paziente dal tumore. Questi farmaci sono oggi in grado di aumentare (e di molto) la sopravvivenza di pazienti con tumori “difficili” come il melanoma (il primo a essere curato con queste nuove molecole) e molti altri. Adesso ai farmaci si affianca la terapia genica con Crispr-Cas9.

La corsa alla sperimentazione anche negli USA

Questa accelerazione nella fase sperimentale ha innescato meccanismi a catena di competizione. Anche negli USA sono partiti numerosi protocolli sperimentali riguardanti la terapia genica per combattere i tumori. C’è da sottolineare che questo sistema è altamente costoso (si tratta di tecniche innovative, utilizzabili da poche persone al mondo e con costi elevati) e ancora si sa poco degli effetti concreti sui tumori.

Per questo motivo c’è chi si domanda se un giorno questo tipo di sperimentazioni creeranno nuove terapie utilizzabili dalla maggior parte della popolazione o se resteranno una chimera inarrivabile come rischi e costi di gestione.

 

Redazione Casa di Cura Villa Mafalda Blog

 

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente, consentire di usufruire dei nostri servizi e di visualizzare pubblicità in linea con le proprie preferenze. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. In qualunque momento è possibile disabilitare i cookies presenti sul browser; ti ricordiamo che quest'opzione potrebbe limitare alcune  delle funzionalità di navigazione del sito. I cookie sono dei piccoli file di dati che vengono memorizzati sul computer dell’utente durante la navigazione e svolgono varie funzioni come ricordare i dati del login ai servizi, raccogliere informazioni statistiche sulle pagine visitate, identificare il browser e il dispositivo utilizzati, selezionare contenuti e comunicazioni mirati a seconda delle proprie preferenze e altro ancora. I cookie possono essere di vario tipo, a seconda della tipologia dati che memorizzano e di quanto tempo restano memorizzati sul dispositivo dell’utente. I cookie di sessione, o temporanei sono quelli che scadono o vengono cancellati alla chiusura del browser, mentre quelli persistenti hanno scadenze più lunghe (da pochi minuti a mesi interi) a seconda delle funzioni che svolgono. Sono proprio queste funzioni che distinguono i cookie in due categorie: tecnici e non tecnici (o di profilazione). I cookie tecnici gestiscono i dati necessari all’erogazione delle pagine e facilitano la navigazione, permettendo, ad esempio, di non dover reinserire user e password per accedere a particolari servizi, di ricordare l’ultima pagina visitata o fino a che punto si è visto un video, di riconoscere il tipo di dispositivo in uso e di adattare le dimensioni delle immagini di conseguenza. I cookie tecnici consentono inoltre di effettuare analisi statistiche aggregate sulle pagine più visitate e sulle preferenze degli utenti, ma solo in forma anonima, e non vengono utilizzati per analizzare il comportamento o le preferenze dei singoli utenti. I cookie di profilazione, invece, vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione ed erogare, ad esempio, contenuti, anche pubblicitari, mirati a particolari interessi. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti). Il sito www.villamafalda.com  utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza sul proprio sito, adattandolo, ad esempio, a seconda del browser e del dispositivo in uso, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, o esponendo pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. Se ti trovi sul sito www.villamafalda.com e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, proseguendo la navigazione, cliccando su qualsiasi elemento del sito, scorrendo la pagina o chiudendo il layer informativo attraverso il tasto “OK”, acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti in questa informativa e implementati nelle pagine del sito. E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai relativi produttori, (Regione europea ricca di carbone e di ferro) o utilizzando degli appositi programmi; tuttavia, www.villamafalda.com desidera ricordare che la restrizione della capacità dei siti web di inviare i cookie può peggiorare l’esperienza di navigazione globale degli utenti. Il consenso alla ricezione dei cookie può essere espresso anche mediante specifiche configurazioni del browser da parte degli utenti. La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie inviati solo da alcuni o da tutti i siti, opzione che offre agli utenti un controllo più preciso della privacy e di negare la possibilità di ricezione dei cookie stessi, o comunque di modificare le scelte precedentemente effettuate. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser: Mozilla Firefox (link alle istruzioni):

  1. Apri Firefox Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”. Seleziona quindi la scheda “Privacy”. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.
Microsoft Internet Explorer (link alle istruzioni): Google Chrome (link alle istruzioni): Safari (link alle istruzioni):   Cookie di terze parti Durante la navigazione sulle pagine del sito www.villamafalda.com per fini statistici o di profilazione potrebbero essere rilasciati cookie tecnici e non, gestiti esclusivamente da terze parti. Di seguito sono elencate le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e i link alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità. comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo: http://www.youronlinechoices.com/it/   Cookie di social media sharing Questi cookie di terza parte vengono utilizzati per integrare alcune funzionalità dei principali social media. In particolare permettono la registrazione e l'autenticazione sul sito tramite Facebook e Google connect, la condivisione e i commenti di pagine del sito sui social, abilitano le funzionalità del "mi piace" su Facebook, del "+1" su G+..  

Chiudi