Polipi intestinali: attenzione ai segnali d’allarme

Ernia ombelicale, un disturbo in taluni casi innocuo - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma
Ernia ombelicale: un disturbo in taluni casi innocuo
12 settembre 2017
Colonscopia, a cosa serve e quando effettuarla - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma
Colonscopia: a cosa serve e quando effettuarla
18 settembre 2017
Polipi intestinali, attenzione ai segnali d’allarme - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma

Polipi intestinali, attenzione ai segnali d’allarme - Casa di Cura Villa Mafalda di RomaNella maggior parte dei casi i polipi intestinali sono di natura benigna. Tuttavia conoscere i fattori di rischio, e soprattutto i segnali  a cui prestare attenzione, consente di individuarli tempestivamente.

I polipi intestinali originano sulla mucosa interna di colon e retto. Si tratta di piccole escrescenze, generalmente benigne, dalla caratteristica forma che ricorda quella di un fungo.

Nonostante la maggior parte dei polipi non siano formazioni tumorali, una piccola percentuale può trasformarsi in senso maligno e rappresentare, quindi, delle lesioni precancerose di colon e retto. Questa situazione è legata in particolare ad una malattia genetica, la poliposi adenomatosa familiare, che comporta la formazione di numerosi polipi intestinali in differenti sedi dell’intestino.

FATTORI DI RISCHIO

Esistono alcuni fattori che possono predisporre i polipi intestinali, aumentando il rischio che questi si sviluppino:

  • Familiarità per i polipi
  • Età. Generalmente la loro comparsa avviene dopo i 50 anni
  • Fumo
  • Abuso di alcool
  • Obesità. L’obesità, associata ad un’alimentazione troppo ricca di grassi saturi e carne rossa e al tempo stesso povera di fibre, rappresenta un fattore che aumenta il rischio che si formino dei polipi intestinali
  • Sedentarietà. Praticare un’attività fisica regolare e moderata può proteggere da questo tipo di formazioni
  • Malattie infiammatorie croniche intestinali come il morbo di Crohn e la rettocolite ulcerosa

SINTOMI DEI POLIPI INTESTINALI

Generalmente i polipi intestinali sono asintomatici. Tuttavia è bene tenere sotto controllo due sintomi che possono rappresentare degli importanti segnali d’allarme:

  • Presenza di sangue o muco nelle feci
  • Abitudini dell’alvo che cambiano per alcune settimane e senza che apparentemente vi sia un motivo

DIAGNOSI

È fondamentale effettuare innanzitutto la ricerca di sangue occulto nelle feci, soprattutto nell’ambito della prevenzione del tumore del colon-retto. In secondo luogo è consigliabile sottoporsi ad una colonscopia, la quale consente anche di asportare l’eventuale polipo sospetto già contestualmente all’esame.

TRATTAMENTO

Prevedere se un polipo intestinale benigno si trasformerà o meno in senso maligno è alquanto impossibile. Per questa ragione ne viene consigliata quasi sempre l’asportazione.

Si stima che nel 30% dei pazienti possano svilupparsene di nuovi, in quanto i fattori che hanno causato i polipi sussistono ancora. A tal proposito è molto importante sottoporsi ad esami regolari e periodici che comprendano anche la ricerca di sangue occulto nelle feci e la colonscopia. Quest’ultima dovrebbe essere effettuata già dai 50 anni di età, almeno una volta ogni 10 anni. Nel caso di poliposi adenomatosi familiare o di presenza di altri casi di tumore del colon-retto all’interno della propria famiglia, l’età dovrebbe scendere a 40.

Per ulteriori informazioni, presso la Casa di Cura Privata “Villa Mafalda” di Roma è presente il Reparto di Gastroenterologia

 

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione dell'utente, consentire di usufruire dei nostri servizi e di visualizzare pubblicità in linea con le proprie preferenze. Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. In qualunque momento è possibile disabilitare i cookies presenti sul browser; ti ricordiamo che quest'opzione potrebbe limitare alcune  delle funzionalità di navigazione del sito. I cookie sono dei piccoli file di dati che vengono memorizzati sul computer dell’utente durante la navigazione e svolgono varie funzioni come ricordare i dati del login ai servizi, raccogliere informazioni statistiche sulle pagine visitate, identificare il browser e il dispositivo utilizzati, selezionare contenuti e comunicazioni mirati a seconda delle proprie preferenze e altro ancora. I cookie possono essere di vario tipo, a seconda della tipologia dati che memorizzano e di quanto tempo restano memorizzati sul dispositivo dell’utente. I cookie di sessione, o temporanei sono quelli che scadono o vengono cancellati alla chiusura del browser, mentre quelli persistenti hanno scadenze più lunghe (da pochi minuti a mesi interi) a seconda delle funzioni che svolgono. Sono proprio queste funzioni che distinguono i cookie in due categorie: tecnici e non tecnici (o di profilazione). I cookie tecnici gestiscono i dati necessari all’erogazione delle pagine e facilitano la navigazione, permettendo, ad esempio, di non dover reinserire user e password per accedere a particolari servizi, di ricordare l’ultima pagina visitata o fino a che punto si è visto un video, di riconoscere il tipo di dispositivo in uso e di adattare le dimensioni delle immagini di conseguenza. I cookie tecnici consentono inoltre di effettuare analisi statistiche aggregate sulle pagine più visitate e sulle preferenze degli utenti, ma solo in forma anonima, e non vengono utilizzati per analizzare il comportamento o le preferenze dei singoli utenti. I cookie di profilazione, invece, vengono utilizzati per analizzare gli interessi e le abitudini di navigazione dei singoli utenti, per personalizzarne la navigazione ed erogare, ad esempio, contenuti, anche pubblicitari, mirati a particolari interessi. I cookie possono essere erogati direttamente dal gestore del sito sul quale si sta navigando (cookie di prima parte) o, nel caso il sito si appoggi a servizi esterni per particolari funzioni, da terzi (cookie di terze parti). Il sito www.villamafalda.com  utilizza cookie sia tecnici che non tecnici, anche di terze parti, al fine di migliorare l’esperienza sul proprio sito, adattandolo, ad esempio, a seconda del browser e del dispositivo in uso, selezionando la tipologia dei contenuti visualizzati, o esponendo pubblicità di potenziale interesse per il singolo utente. Se ti trovi sul sito www.villamafalda.com e visualizzi il banner informativo dell’esistenza dei cookie, proseguendo la navigazione, cliccando su qualsiasi elemento del sito, scorrendo la pagina o chiudendo il layer informativo attraverso il tasto “OK”, acconsenti all’utilizzo dei cookie descritti in questa informativa e implementati nelle pagine del sito. E’ possibile disabilitare le funzioni dei cookie direttamente dal browser che si sta utilizzando, secondo le istruzioni fornite dai relativi produttori, (Regione europea ricca di carbone e di ferro) o utilizzando degli appositi programmi; tuttavia, www.villamafalda.com desidera ricordare che la restrizione della capacità dei siti web di inviare i cookie può peggiorare l’esperienza di navigazione globale degli utenti. Il consenso alla ricezione dei cookie può essere espresso anche mediante specifiche configurazioni del browser da parte degli utenti. La maggior parte dei browser permette di impostare regole per gestire i cookie inviati solo da alcuni o da tutti i siti, opzione che offre agli utenti un controllo più preciso della privacy e di negare la possibilità di ricezione dei cookie stessi, o comunque di modificare le scelte precedentemente effettuate. Di seguito sono riportate le indicazioni per la gestione dei cookie tramite le impostazioni dei principali browser: Mozilla Firefox (link alle istruzioni):

  1. Apri Firefox Premi il pulsante “Alt” sulla tastiera. Nella barra degli strumenti situata nella parte superiore del browser, seleziona “Strumenti” e successivamente “Opzioni”. Seleziona quindi la scheda “Privacy”. Vai su “Impostazioni Cronologia:” e successivamente su “Utilizza impostazioni personalizzate” . Deseleziona “Accetta i cookie dai siti” e salva le preferenze.
Microsoft Internet Explorer (link alle istruzioni): Google Chrome (link alle istruzioni): Safari (link alle istruzioni):   Cookie di terze parti Durante la navigazione sulle pagine del sito www.villamafalda.com per fini statistici o di profilazione potrebbero essere rilasciati cookie tecnici e non, gestiti esclusivamente da terze parti. Di seguito sono elencate le terze parti coinvolte, i link ai loro siti e i link alle loro politiche di gestione dei cookie, con indicazione delle relative finalità. comportamentale e per sapere come attivare o disattivare singolarmente i cookie e avere indicazioni sui software di gestione dei cookie, è possibile fare riferimento a questo indirizzo: http://www.youronlinechoices.com/it/   Cookie di social media sharing Questi cookie di terza parte vengono utilizzati per integrare alcune funzionalità dei principali social media. In particolare permettono la registrazione e l'autenticazione sul sito tramite Facebook e Google connect, la condivisione e i commenti di pagine del sito sui social, abilitano le funzionalità del "mi piace" su Facebook, del "+1" su G+..  

Chiudi