Colonscopia: a cosa serve e quando effettuarla

Polipi intestinali, attenzione ai segnali d’allarme - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma
Polipi intestinali: attenzione ai segnali d’allarme
14 settembre 2017
Tumore alla tiroide, quali sono gli esami diagnostici necessari - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma
Tumore alla tiroide: quali sono gli esami diagnostici
20 settembre 2017
Colonscopia, a cosa serve e quando effettuarla - Casa di Cura Villa Mafalda di Roma

Colonscopia, a cosa serve e quando effettuarla - Casa di Cura Villa Mafalda di RomaLa colonscopia è un esame endoscopico generalmente ben tollerato, assai utile per la prevenzione, diagnosi e trattamento di differenti patologie intestinali.

Presso la Casa di Cura “Villa Mafalda” di Roma è possibile sottoporsi alla colonscopia. L’esame viene effettuato mediante l’utilizzo di endoscopi HD di ultima generazione, di cui la Nuova Divisione Endoscopica dispone.

La colonscopia, eseguita previa sedazione endovenosa, permette di esaminare le pareti interne del colon, inserendo (per via anale) il colonscopio, ossia un piccolo tubicino flessibile. Questo viene fatto proseguire gradualmente lungo il colon, che rappresenta gli ultimi 150-180 cm dell’intestino. L’esplorazione viene facilitata, quindi, dall’introduzione di CO2 in modo da distendere le pareti intestinali ed avere una visione completa.

Per poter eseguire un esame accurato è fondamentale che il colon sia completamente vuoto e pulito. A tal fine risulta essenziale seguire in maniera scrupolosa le indicazioni mediche. Nel caso si stia seguendo una terapia farmacologica, è bene informare il medico. In questo modo il paziente può sapere se sia possibile o meno continuare ad assumere i propri farmaci ed eventualmente quale sia la modalità di sospensione prima dell’esame.

QUANDO E PERCHÉ SOTTOPORSI A COLONSCOPIA

La colonscopia rappresenta una importante procedura di screening per quanto riguarda i tumori a carico del colon e del retto. Per questa ragione viene consigliato di sottoporsi all’esame già a partire dai 50 anni di età, e di ripeterlo ogni 5 anni.

Il discorso cambia se in famiglia esistono casi di tumore. In questo caso viene raccomandato di sottoporsi ad una prima colonscopia già a 40 anni.

L’esame diagnostico consente di poter:

  • Individuare in maniera tempestiva eventuali lesioni cancerose, persino ad uno stadio iniziale
  • Rimuovere polipi intestinali, i quali possono essere dei probabili precursori di tumori del colon-retto
  • Diagnosticare e monitorare malattie intestinali, come ad esempio le cosiddette malattie infiammatorie croniche intestinali (morbo di Crohn e rettocolite ulcerosa)
  • Diagnosticare e monitorare possibili patologie addominali
  • Prelevare piccoli campioni di tessuto della mucosa interna del colon per poter eseguire biopsie

 

Per maggiori informazioni, presso la Casa di Cura Privata “Villa Mafalda” di Roma è presente la Nuova Divisione Endoscopica

 

Comments are closed.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi