Pandolfi Sergio -

Pandolfi Sergio

Medico chirurgo, Neurochirurgo, Ozonoterapeuta.
Docente al master Universitario di II livello in Ossigeno – Ozonoterapia

Specializzazione in Neurochirurgia presso Università degli Studi di Roma “La Sapienza”
Docente al Master Universitario in Ossigeno – Ozono Terapia Università degli Studi di Pavia
Master Universitario di secondo livello in Ossigeno – Ozono Terapia Università degli Studi di Pavia
Corso di specializzazione biennale di terapia del dolore ISAL – Istituto di scienze algiche

TESI SPERIMENTALE: “UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PAVIA” – MASTER UNIVERSITARIO DI II˚ LIVELLO IN OSSIGENO – OZONOTERAPIA
L’Ossigeno Ozonoterapia nel trattamento delle patologie del microcircolo e nella neuroprotezione. Valutazione sperimentale del miglioramento del flusso e della ossigenazione cerebrale valutati mediante doppler trans-cranico e Spettroscopia NIRS in pazienti trattati con Grande Autoemo Infusione (GAE)

ARTICOLO: Valutazione sperimentale del miglioramento del flusso e della ossigenazione cerebrale valutati mediante doppler trans-cranico e spettroscopia NIRS in pazienti trattati con grande autoemoinfusione di sangue ozonizzato.

Il Dott. Sergio Pandolfi riceve presso:

Casa di cura Villa Mafalda
Via Monte delle Gioie, 5 – 00199 Roma
(Adiacente Piazza Vescovio)
Tel – 06/86094851 – 328/1795263

 

http://www.sergiopandolfiozonoterapia.com/

Pubblicazioni scientifiche

“L’OSSIGENO OZONOTERAPIA MEDIANTE AUTOEMOINFUSIONE DI SANGUE
OZONIZZATO INDUCE UN MIGLIORAMENTO DEL METABOLISMO
CEREBRALE NEI PAZIENTI AFFETTI DA SCLEROSI MULTIPLA”

L’ossigeno ozono terapia mediante autoemoinfusione di sangue ozonizzato è una tecnica terapeutica emergente che sta ottenendo sempre maggiore importanza nel trattamento dei disturbi neurologici . Uno studio scientifico per valutare l’effetto di tale terapia sul metabolismo e sulla circolazione cerebrale non è stato mai effettuato …

Il caso di paziente di 76 anni con miglioramento delle condizioni neurologiche e recupero della frazione d’eiezione del ventricolo sinistro dopo ossigeno ozonoterapia 

Presentiamo il caso di un paziente di 76 anni affetto da cardiopatia ischemica ed infarto al miocardio nel Gennaio 2014, ipertensione arteriosa, insufficienza renale, parkinsonismo, cerebropatia vascolare ischemica plurinfartuale, ictus cerebrale, vescica neurologica , ernia inguinale …

Testimonianze

Fabrizio Carraro

Patologia: Ernia del disco cervicale

Ernia del disco cervicale Il primo sintomo rilevante lo accusai in palestra, dove in poco mi trovai costretto a ridurre di molto i pesi in tutti gli esercizi nei quali lavoravo con il tricipite sinistro. Sotto sforzo il muscolo infatti si contraeva dolorosamente, e mi era di fatto impossibile completare l’estensione del muscolo stesso. Fui così costretto – circa tre anni fa – a limitare o eliminare tutti gli esercizi per i pettorali e la parte posteriore del braccio …

Angelo Spadaro

Patologia: Cerebropatia vascolare multinfartuale, Cardiopatia ischemica, Riabilitazione post infarto al miocardio

Scrivo a nome di mio padre, Angelo Spadaro, anni 76, generale dell’esercito italiano, pensionato. Nel 2013, a seguito di RMN encefalo e varie visite neurologiche si rileva un quadro di atrofia cerebrale, principio di demenza senile e parkinsonismo. Le cure del caso si rivelano presto controproducenti: mio padre accusa sonnolenza, perdita di equilibrio (si procura una frattura del polso durante una caduta), forte difficoltà nell’esprimere concetti semplici …

Fabio Esposito

Patologia: Ernia del disco lombare

L’esame RM alla colonna lombo-sacrale, effettuato lo scorso Aprile in seguito al manifestarsi di dolori e di evidenti difficoltà di movimento che si estendevano dalla gamba sinistra al piede, ha evidenziato la presenza di un’ernia discale espulsa e caduta in basso in prossimità delle radici nervose.
Superata la prima settimana caratterizzata da una fase infiammatoria acuta …

Lucilla Longhi

Patologia: Ascessi epatici – Fistola Biliare – Peritonite biliare

Mi chiamo Lucilla e sono nata a Firenze. Da diciannove anni vivo a Roma dove ad oggi si è svolto il mio percorso terapeutico. La mia dolorosa vicenda di salute comincia intorno alla metà del 2014 all’età di 47 anni. Inizio ad accusare dolori gastrointestinali, coliche addominali, da 53 Kg comincio a perdere peso, si interrompe il ciclo mestruale.
Fatti diversi accertamenti presso un noto Ospedale (poli-specialistico) mi diagnosticano: Gastrite cronica di grado lieve, Calcolosi della colecisti, fegato di dimensioni notevolmente aumentate.
Il 28 gennaio 2015 vengo sottoposta ad intervento chirurgico di: Colecistectomia videolaparoscopica ed esportazione di fibroma peduncolato del corpo uterino.